Ombre - racconto originale (7, giorno 6)

Ombre L'ombra avvolge tutto, finanche la cima più alta, ed è lì che Evelynn si prepara. Con passo elegante e sguardo malizioso nuota in quella pozza nera alla ricerca del suo sfortunato bersaglio. È tranquilla, sa di non poter fallire. Lo guarda, lo segue, lo conosce sempre di più. Poco a poco nasce un immagine, una visione. Il demone si trasforma: le sembianze seducenti si plasmano per renderla irresistibile. Ma il predatore non si limita a questo. Ella prende il profumo più dolce e la voce più soave. Il battito si adegua e i muscoli si rilassano. In questo momento le ombre la abbandonano e si mostra in tutta la sua magnificenza. Facilmente viene notata nella folla, è la sua una su un milione. Sensuale come mai Evelynn lo attira, diventa un desiderio. Lo stolto si avvicina convinto di conquistare la bella donna. Le parla spavaldo, si fa vedere forte e sicuro di sè. "È facile far fare agli uomini quello che voglio" pensava sempre in questi casi. La preda era nelle sue mani. Lui non si opporrà, non sa cosa gli aspetta. Si finge rapita dai suoi discorsi, ammaliata dal suo aspetto. Muove le mani sul suo corpo che, come magneti, lo tengono incollato a lei, portando lentamente le braccia al suo collo. Come fosse una morsa, l'abbraccio lo imprigiona, le dolci sbarre dell'amore. Le ombre li avvolgono. Con passo elegante e sguardo malizioso si muove nel buio alla ricerca del suo sfortunato bersaglio.
Condividi
Segnala come:
Offensivo Spam Molestie Forum errato
cancella