Il male minore

Salve a tutti. Mi presento: mi chiamo Bitter Grief, Gold 2... Honor 1... Giustizia 0. Prima di accalcarvi nei commenti per insultarmi ascoltate cosa ho da dire. Sono stato reportato per flame per due volte in tre mesi: le ho meritate tutte e due e non ho alcuna scusa da sparare al vento per sentirmi migliore. Ciò di cui qui mi lamento sono i motivi che mi hanno spinto a diventare un giocatore del genere. Ma andiamo un po indietro... Quattro anni fa iniziai a giocare a League of legends ed ero un giocatore come tanti: scarso ma che sapeva divertirsi e di sicuro non insultava nessuno. Negli anni, migliorando un pò passo passo (molto poco ma comunque sempre qualcosa) inizia a fare ranked e cominciai così a flammare. E' la mia natura non posso farci niente; sono un tossico ed un tossico rimango. Comunque sia sono sempre stato abbastanza positivo coi miei compagni di squadra, puntando sempre alla vittoria e cercando di raffreddare gli animi, almeno nei primi venti minuti di gioco. Questo atteggiamento mi ha portato ad ottenere l'honor 5 la season scorsa e l'honor 4 a metà di questa season. Cosa è cambiato negli ultimi mesi? Sono stato divorato dalle attitudini di certi giocatori nelle mie ranked che mi hanno consumato la voglia di giocare e divertirmi. Faccio una premessa: sono un giocatore che flamma, ma solo quando i miei compagni di squadra o i giocatori avversari si comportato da troll e fanno di tutto per far perdere la partita al proprio team. Ciò non mi da alcun onore lo so... ma a loro? Il sistema creato dalla Riot non funziona. Il flame, gli insulti sono parte del gioco, degli sport in generale e quasi mai sono puniti negli altri campi (cosa che la Riot fa e anche troppo). Al contrario i troll, chi gioca per perdere, chi ha comportamenti altamente anti-sportivi (la testata di Zidane per citare le vecchie glorie) sono pesantemente puniti, cosa che la Riot fa troppo poco. L'ultimo ban che ho preso sono stato reportato da tre giocatori in tre game diversi che ho flammato perchè in tutti questi game si sono messi a trollare in base in quanto o hanno perso la lane o si sono sentiti offesi perchè il jungler non gankava loro ma il resto della mappa. Il risultato è che io sono stato punito con l'honor 1 (giustamente) e loro sono ancora intenti a giocare trollando altri game di altri giocatori [giustamente(?)]. La Riot dovrebbe cominciare a capire la causa che porta i giocatori a diventare tossici. Non dico che non esistono giocatori che flammano anche chi gioca bene, anzi di pattume ne abbiamo a bizzeffe, dico che molti giocatori, tra cui me, vengono indotti a mangiare quel frutto proibito da delle vili serpi sempre pronte a voler male al prossimo. Davvero non capisco come sia possibile che la Riot ritenga più grave un insulto piuttosto che un giocatore che appositamente ti fa perdere una ranked. E' come se quella volta avessero punito Materazzi per aver insultato la madre Zidane, al posto di quest'ultimo che gli ha fracassato la cassa toracica furia di testate. Si coltiva ciò che si semina, ma se ti limiti a sradicare ciò che è cresciuto non potrai di certo evitare che ne crescano degli altri. La Riot deve svegliarsi e riconoscere il male minore, punendo maggiormente e con più foga i giocatori che, specialmente in ranked, fanno di tutto per non farti vincere la partita andando afk o suicidandosi continuamente. Non mi interessano giudizi ne contraddizioni. E' solo l'opinione di un povero Gold ormai stanco di giocare in un ambiente dove nessuno ha rispetto per nessuno. Per chi è arrivato fino infondo, grazie. Per chi mi insulterà, grazie per aver rafforzato la mia tesi. Pace e buona fortuna nella landa degli evocatori. P.S. Per chi dice che esiste il bottone muto: lo ringrazio ma giocare ad un gioco a squadre multiplayer evitando ogni contatto vocale o scritto lo trovo davvero molto poco consono. P.P.S Devo ammettere che però mutare tutti ti da una pace dell'anima incredibile{{sticker:galio-happy}}
Condividi
Segnala come:
Offensivo Spam Molestie Forum errato
cancella